3 Gennaio 

Oggi giornatina di relax! Qualcuno decide di restare in albergo a sonnecchiare, del resto se le stanze lasciano un po’ a desiderare come arredamenti, l’ambientazione esterna è quasi “caraibica”, con una bella spiaggia
Immagine

con ospite fissa una meravigliosa gru coronata
Immagine

e i falchetti che girano in mezzo ai palmizi
Immagine

Ciononostante, in buona parte decidiamo invece di recarci all’Isola di Gorée, una volta base di partenza degli schiavi per le Americhe.
L’isola dista in linea d’aria poco piu’ 3 km dal nostro albergo e c’è una moderna stazione traghetti per arrivarci. Arriviamo in tarda mattinata, ma l’isola non è molto grande e si gira comodamente a piedi. Ci son però tanti angoli da vedere 

il porticciolo
Immagine

il cortile della scuola
Immagine

lungo il viale che porta in cima all’isola ci sono bellissime tele oggetti di arte locale, peccato non aver posto per portarne via qualcuna
Immagine

in cima, c’è un monumento
Immagine

ma anche questo :? 
Immagine

poi riscendiamo, volendo ci sarebbe anche il Museo, che però fa orario spezzato e noi ci capitiamo davanti ovviamente quando è chiuso. 
Immagine

Peccato, ci consoliamo con un buon pranzetto in une ristorante carino, con bella vista e un simpatico pellicano che ci gironzola intorno. 

Immagine

Poi si torna all’albergo, bisogna organizzare i bagagli che domani si caricano i mezzi nel container! Visti i problemi con la benzina, la mia viene svuotata e caricata subito
Immagine

ma, sorpresa troviamo anche una giallona, con targa Mauritana per di piu’! Merita una foto, assieme a Lucina (anche lei DRZista, buongustaia) grande viaggiatrice e motociclista :-D 
Immagine

La giornata termina in un costoso ristorante (è in pratica l’ultima serata tutti assieme), l’arredamento non è proprio di quelli che trovi dietro l’angolo :lol: 

Immagine
per fortuna se magna ben, anche!


4-7 Gennaio

Oggi spenderemo la maggior parte della giornata a caricare i mezzi nel container che li riporterà in Italia. Attendiamo tutti assieme l’arrivo dello spedizioniere locale e in carovana ci rechiamo al porto commerciale, che dista pochi km dal nostro albergo

C’è una marea di container impilati fino a 5 uno sull’altro… 
Immagine

un apposito trattore ne prende uno ma si rivela alquanto sporco all’interno e ne viene scelto un altro.
Immagine

Fa abbastanza impressione vedere come il trattore muove questi scatolotti…

https://www.youtube.com/watch?v=qJTNa7eIExk

Le moto sono svuotate della benzina e bisogna anche staccare i cavi della batteria. Io l’avevo già fatto ieri sera, gli altri sono arrivati qui in moto e quindi lo fanno al momento. Per qualche moto non è proprio un lavoretto da 2 minuti…
Immagine

Immagine

e ci sono anche da sistemare le borse che torneranno indietro col container
Immagine

Alla fine siamo pronti. Per primo entra il carrellone 
Immagine

e dopo averlo fissato bene vi si caricano sopra 6 moto, di traverso, le ultime aiutandosi con dei legni per far scivolare le ruote sul piano di appoggio. Sul timone del carrello viene fissata un’apposita pedana di legno e lì ci si carica un’altra moto. 

Immagine

Poi tocca al furgone, in cui vengono posizionate altre due moto e un bel po’ di borse, scatole ricambi etc
Immagine

Chiuso e fissato ben bene il furgone, infine tocca alla mia amata Marathon e alle ultime due moto.. 
Immagine

Immagine

e si chiude il tutto, prendendo ben nota dei numeri di identificazione del container e del sigillo che lo chiude. 
Immagine

La nave che riporterà il nostro prezioso container in Italia, dovrebbe arrivare a Dakar il 20 Gennaio, per approdare a Genova agli inizi di Febbraio, l’attesa è ancora lunga quindi e … incrociamo le dita!

Torniamo verso l’albergo a metà pomeriggio, ci tocca fare anche un pezzo a piedi perché un treno merci blocca il passaggio a livello. Questo ci dà l’opportunità di allibire vedendo come certi lavori vengono effettuati… 
Immagine

e di fotografare dei murales “particolari” vicino alla nostra meta 
Immagine

Poi tutti in doccia o spiaggia e alla sera si cena lì in albergo, poiché in molti partiranno la notte stessa :( . 
Rimaniamo solo in 5, Mirco compreso. Il giorno dopo, optiamo per una visita a Dakar, una città vastissima spaccata dove le differenze economico-sociali sembrano nettissime. Da una parte mai vista una tale concentrazione di auto di lusso e dimore regali, dall’altra quartieri poverissimi dove la gente si arrangia come può… 

Tappa d’obbligo anche all’immenso monumento alle popolazioni africane, ne approfittiamo per qualche souvenir. 
Immagine

e al cartello Dakar Km 0 dove scopriamo che Blackman… è già stato qui :lol: !!
Immagine

Ci aspetta ancora un giorno di relax in spiaggia, sempre in compagnia della mia amica gru (me la ritrovo perfino davanti alla porta della camera :shock: !) 
Immagine

Infine partenza a notte fonda anche per noi 5, sveglia alle 3.40! L’aereo parte puntuale alle 6.30 circa, scalo a Casablanca dopo 3 ore, cambio aereo e altre 3 ore per Bologna, dove troviamo Miria e il piccolo Tommy ad attendere papà Mirco. Un taxi per la stazione (il borsone/trolley da 20 kg. sta perdendo una ruota e non posso quindi trascinarlo :twisted: !), perdo il primo treno per Padova per pochi minuti, dopo un’ora ce n’è un altro… ultimo taxi e alle 19.15 sono a casa!

Che dire, è stato davvero un bel viaggio, l’organizzazione è stata impeccabile (grazie a Mirco e Lex!), la compagnia davvero buona, non ci sono mai stati problemi/discussioni e la cosa non è proprio scontata quando ci si trova in così tante persone che in buona parte non si conoscono tra di loro. Era il mio sogno piu’ grande e ringrazio quindi anche loro e ovviamente anche la mia motona, per avermi aiutato a realizzarlo 8/ :-D 

Immagine

hasta siempre! :-D

Categorie: Viaggi

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *